CAPESANTE GRATINATE

Valutazione 
Regione 
Chef  GERMANO PONTONI

• 16 capesante
• 3 cucchiaini da dessert di pane grattugiato per ogni capasanta
• 16 cucchiaini di olio extravergine di oliva della Riviera Triestina
• 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
• 1 spicchio di aglio tritatissimo
• buccia di mezzo limone grattugiata
• pepe nero macinato al momento
• sale fino di mare

Aprire le capesante e togliere il frutto che deve essere ben grosso, togliere la parte scura (parte poco edibile piena di sabbia) lavare il frutto bianco e arancione se possibile con acqua di mare e mantenerlo in una bacinella in frigorifero. Mescolare insieme gli ingredienti per la gratinatura, passare i frutti facendo aderire bene alla “ricca panura”. Lavare bene e spazzolare la metà concava dei gusci e sistemare in ognuna il frutto della capasanta. Irrorare con un filo d’olio e infornare a 180° per 15 minuti , si sarà formata in superficie una crosta dorata.

Servire il tutto ben caldo.

Le capesante sono molluschi un tempo presenti in grandi quantità nelle zone sabbiose dell’Alto Adriatico. La conchiglia è particolarmente famosa, con il nome di Conchiglia di San Giacomo o del Pellegrino.

Le capesante presentano delle carni molto magre con un elevato apporto di acidi grassi del tipo omega 3 ed in particolare di vitamine liposolubili quali la A e la D.