Brexit – Origine delle materie prime

Il Ministero della Salute – Direzione Generale per l’Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione -Ufficio 2, ha diramato la nota prot. 27674 del 9.07.2021 avente ad oggetto “Brexit – Certificazione sanitaria degli alimenti di origine animale e fonti informative sul luogo di origine delle materie prime􏰋.

In merito alle attività di certificazione sanitaria dei prodotti di origine animale che a partire dal 1° ottobre 2021 sarà necessario effettuare per l’export verso UK (GB), la nota fornisce alcune indicazioni.

Come noto, UK ha mantenuto nella propria legislazione gli stessi principi già attuati nella legislazione UE prima del 1° gennaio 2021, pertanto i controlli alle merci introdotte nel territorio britannico saranno effettuati da UK con le stesse modalità utilizzate dalla UE per i controlli delle merci importate nel territorio comunitario da Paesi Terzi.

Ciò premesso, è evidente il fatto che qualsiasi prodotto o materia prima, indipendentemente dalla propria origine (comunitaria o extra comunitaria), nel momento in cui è posto sul mercato comunitario, automaticamente rispetta i requisiti sanitari previsti dalla normativa UE e quindi anche quelli previsti dai modelli di certificato sanitario UK.

Pertanto l’individuazione dell’origine ai fini del rilascio dei certificati sanitari per l’export verso UK (GB) di prodotti di origine animale, può essere effettuata dal certificatore sulla base della documentazione commerciale che lo stabilimento produttore deve mettere a disposizione del controllo ufficiale. Pertanto è superfluo richiedere attestazioni ufficiali emesse dai servizi ufficiali del Paese di origine se l’unico elemento da accertare è il luogo di origine dei prodotti.

Si allega la nota in argomento per gli approfondimenti d’interesse.

  Venerdì, 09 Luglio 2021

Alcuni testi e materiali scaricabili sono visibili esclusivamente agli utenti registrati.

Per effettuare la registrazione cliccate qui, per effettuare l'accesso cliccate qui